Le attività del Campo della Legalità “Ti Scrivo l’Antimafia…” entrano nel vivo!
Oggi i ragazzi hanno partecipato al workshop di giornalismo condotto da Lucia Portolano (Brindisi Oggi, La7, la Repubblica). La sua esperienza unita a nozioni di base sulla struttura di un pezzo giornalistico hanno posto le basi per il trattamento dei temi dell’inchiesta giornalistica, della mafia pugliese e del caporalato.
Temi che sono stati affrontati insieme ai partecipanti del Campo E!State Liberi di Libera Brindisi, che sono stati nostri ospiti in un incontro a cui hanno contribuito in modo fondamentale Antonio Macchia e Maria V. Ciraci di Cgil Brindisi e Flai Brindisi.

10 luglio 2018

Ecco il racconto della trasferta barese svoltasi in occasione del nostro Campo della Legalità “Ti Scrivo l’Antimafia…”
Dopo aver commemorato le vittime innocenti della strage del Luglio 1943 con le parole di Pasquale Martino, i ragazzi hanno avuto modo di visitare la Fondazione Rita Maierotti, dove sono stati approfonditi i temi affrontati in mattinata anche grazie agli interventi di Antonella Morga e Gigia Bucci, segretarie generali rispettivamente di Cgil Puglia e CGIL Bari.
Successivamente le attività si sono spostate nella città vecchia: presso Arci Casaperta, bene confiscato alla mafia e gestito da Arci Bari, abbiamo incontrato Vitandrea Marzano, esponente dell’Agenzia per Lotta non Repressiva alla Criminalità Organizzata, che ci ha illuminato sul come si possano contrastare efficacemente gli affari delle mafie attraverso politiche sociali e culturali lungimiranti.

11 luglio 2018

Nel pomeriggio ragazzi di Arcigay Bat hanno spiegato ai partecipanti le peculiarità della loro organizzazione, impegnata per il raggiungimento della parità dei diritti, l’autodeterminazione e il superamento di stereotipi e pregiudizi nei confronti delle persone LGBTI.
Non potevamo certamente mancare di visitare l’ Associazione Culturale Michele Fazio ARCI, in cui Pinuccio Fazio, padre di Michele, ci ha accolti raccontando di come lui e sua moglie hanno trasformato il dolore per la perdita del figlio, vittima innocente dei clan che controllavano il quartiere, in una lotta costante e vittoriosa contro di essi. A concludere la giornata è stato saluto di Alessandra Ricupero, Coordinatrice di Libera Puglia, che ci ha accompagnati tra i vicoli della città vecchia fino ad arrivare al monumento dedicato a Michele, che sorge nel luogo in cui fu ucciso.

11 luglio 2018

Un’altra giornata intensa quella di oggi.
Abbiamo visitato due importanti realtà del nostro territorio, come l’ExFadda L’officina del Sapere di San Vito dei Normanni e il CAG Brindisi per i Giovani nel quartiere Paradiso di Brindisi, punti di riferimento per tutti i ragazzi con delle idee da sviluppare e voglia di mettersi in gioco per se stessi e la propria comunità!
Con i ragazzi partecipanti a E!State Liberi abbiamo avuto l’onore di incontrare il sociologo e scrittore Marco Omizzolo (In Migrazione, la Repubblica, Left, il manifesto) presso Spazio d’autore / libri e vinili. Divertimento e musica invece ci aspettavano al Salento Fun Park, tra skate, street soccer, ping pong e il concerto degli Younger and Better!

12 luglio 2018

Oggi abbiamo incontrato il sociologo e scrittore Marco Omizzolo (In Migrazione, la Repubblica, Left, il manifesto) presso Spazio d’autore / libri e vinili, una nuova realtà incastonata nella splendida cornice del centro storico di Mesagne e gestita dai ragazzi del Circolo Arci La Manovella Mesagne. Una delle innumerevoli esperienze di Marco maturate per lo studio del fenomeno migratorio, è stato quella di toccare con mano le condizioni disumane della comunità indiana insediata nella provincia di Latina, documentando il tutto, ma soprattutto aiutando la comunità a ribellarsi e rivendicare i propri diritti contro la tirannia dei caporali e delle famiglie mafiose agenti sul quella territorio.

12 luglio 2018

La Riserva Naturale di Porto Selvaggio è stata la protagonista della giornata di oggi, in cui i compagni di Auser Brindisi si sono aggiunti al gruppo di partecipanti al nostro Campo.
Abbiamo sugellato la splendida gita tra gli scogli, i sentieri e le spiagge della Riserva con l’incontro con Sabrina Matrangola, figlia di Renata Fonte, non solo testimone della storia di vittima di mafia della madre, ma soprattutto convinta promotrice degli stessi valori di legalità e salvaguardia dell’ambiente.
Tornati a Tuturano i ragazzi hanno avuto il privilegio di farsi raccontare dal fotografo Francesco Malavolta cosa vuol dire essere gli occhi della Comunità Europea, dell’UNHCR Italia – Agenzia ONU per i Rifugiati e l’OIM – Ufficio di Coordinamento per il Mediterraneo sui flussi migratori che hanno interessato l’Europa negli ultimi due decenni.

13 luglio 2018